Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 9 marzo 2012

Decorare una torta semplice con la cialda

Come decorare una torta in maniera semplice? Ecco la domanda che mi sono posta in occasione del compleanno numero 4 ed ecco la soluzione che ho trovato. Una soluzione che segue il principio del minimo sforzo, con un rendimento più che accettabile. È stato un mese impegnativo, sia dal punto di vista professionale sia dal punto di vista personale, ammesso che esista una linea netta di demarcazione tra questi due aspetti della mia vita. E così, meditando sulla mia propensione a gestire ogni cosa come se fosse un affare di stato, ho deciso che basta, bisogna che io segua un po’ il principio del minimo sforzo, almeno nelle questioni accessorie, com’è realizzare una torta per bambini. Ora, io lo so che tutta questa disquisizione filosofica non era necessaria, ma abbiate pazienza, oggi mi prende così.
Questa torta semplice decorata con la cialda è il dolce che ho portato a scuola per il quarto compleanno di Ludovica. È una torta che piace ai bambini e, dopo aver preparato la base e comprato tutto ciò che serve, per farcire e decorare bastano 15-20 minuti, non di più.
Ecco come ho fatto.


Occorrente
Una torta farcita. Ho usato la base della mia torta al cioccolato, bagnata con latte e farcita solo con panna fresca; in realtà, però, sarebbe consigliabile usare un pan di spagna, la torta al cioccolato contiene molto burro e tende a sfaldarsi quando si passa la panna con la spatola, per questo motivo la superficie della mia torta decorata non è venuta completamente liscia.
Una cialda già pronta. La mia l'ho fatta stampare in un negozio specializzato e ho scelto le Chipettes, che sono le neobeniamine di Ludovica (la mia speranza è che possano sostituire presto le Principesse Disney nel suo cuore). Le cialde possono essere di due tipi: di ostia o di pasta di zucchero. Quelle di pasta di zucchero costano circa il triplo, ma il risultato è più bello. Io, che non aspiravo alla perfezione, in questo caso ho scelto le cialde di ostia.
Panna. Personalmente preferisco quella fresca, ma è più difficile da montare. Se volete fare prima, potete usare la panna vegetale.
Un nastro per torte. In generale, non mi piace mettere sulle torte cose non commestibili e quindi non avevo mai sperimentato i nastri; sappiate, però, che se il principio è quello del minimo sforzo, il nastro è la soluzione perfetta.
Sach a poche più bocchetta (a me piace quella a stella)

Procedimento
Dopo aver farcito la torta, passare un leggero strato di panna sulla superficie superiore e laterale.
Ritagliare la cialda (se non è già stata ritagliata) e poggiarla sulla panna esercitando una leggera pressione. In teoria, la cialda andrebbe lucidata con un apposito gel che si può trovare nei negozi specializzati. Io non l’ho usato. Il segreto è decorare la torta poco prima di servirla, in questo modo la cialda non scolora e il gel non è necessario. Altro segreto: non scegliere un’immagine con colori molto scuri.
Finire la decorazione con la panna e mettere il nastro intorno alla torta.

Più semplice di così è impossibile. Però, se avete suggerimenti per decorare una torta in maniera semplice, condivideteli con me. Il mio trend è: solo cose semplici.

2 commenti:

  1. Ahahah! Mi hai fatto ridere...
    Anche io soffro della stessa propensione a gestire ogni cosa come se si trattasse di un affare di stato ed anche io, in vista della preparazione della torta di compleanno di mio figlio (che è a settembre... ma devo fare qualche prova ed ho libere solo due mattine a settimana, quando porto lui, il "grandone", che non ha ancora 2 anni, al baby-parking, ed affido lei, la "piccolina", che ha appena compiuto 5 mesi, alle cure dei nonni), vado ripetendomi: "Minimo sforzo, Giulia, minimo sforzo! Non devi vincere nessun premio, nè raggiungere nessuna perfezione! Devi solo fare con amore una torta di compleanno graziosa!".
    Graziosa è la tua torta, cara mamma apprendista. Non bellissima, non spettacolare, ma di sicuro molto gradita da qualsiasi bimbo che sa che la sua mamma, tra i suoi 1200 impegni, non ha rinunciato a dedicare quel paio d'ore alla preparazione di una delle cose più importanti di un compleanno!
    Copierò alcune delle tue idee; grazie!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel commento, Giulia. Che dire? Grazie!

      Elimina